Seleziona una pagina

VENERDI’ 1 MAGGIO 2020
SALVIAMO IL LAVORO

Buongiorno a tutti,
si avvicina il 1 maggio, Festa del Lavoro, quel lavoro a noi negato per l’emergenza Coronavirus e che ad oggi non sappiamo ancora quando, come e se potremo riprendere.
Facciamoci sentire, ricordiamo a chi ci amministra e all’opinione pubblica che esistiamo ancora e rivendichiamo il nostro diritto a lavorare.
Lo dobbiamo fare per noi, le nostre famiglie e i nostri dipendenti.

Pertanto
VENERDI’ 1 MAGGIO 2020, vi chiediamo di aderire alla seguente manifestazione:

Tema: “SALVIAMO IL LAVORO”
Descrizione: dalle ORE 11,00 e per tutta la giornata, i negozi aderenti alla manifestazione dovranno esporre alle proprie vetrine un CARTELLO con la scritta: “Salviamo il lavoro”.
Inoltre, sempre alle ore 11,00 potrete farvi un VIDEO con lo smartphone, davanti al negozio, pronunciando la frase “salviamo il lavoro”, in cui possibilmente si veda anche il cartello.
Infine, vi chiediamo di coinvolgere anche i vostri DIPENDENTI e chiedergli di esporre dai propri balconi o finestre, quando possibile, un lenzuolo, una bandiera, o qualsiasi altra cosa utile a far passare il messaggio “salviamo il lavoro”.

Per quanto riguarda il cartello con la scritta Salviamo il Lavoro e il recapito dove inviare il breve video, sarà nostra cura trasmettervi domani mattina le relative indicazioni.
La manifestazione prevede anche che nel corso della mattinata del 1 maggio, Delegazioni Confesercenti di tutti i Comuni dell’area metropolitana fiorentina, consegneranno ai rispettivi Sindaci un Documento con le richieste del commercio e, simbolicamente, un Registratore di Cassa vuoto (come i nostri in questo momento).
Ovviamente Vi chiediamo di adoperarvi fin da subito a sensibilizzare le attività economiche presenti nei vostri CCN, in modo da avere il maggior numero di adesioni possibili.
Vi prego caldamente di contribuire con il massimo impegno, al fine di ottenere la più larga adesione possibile alla manifestazione, non solo per la sua migliore riuscita ma anche perchè sia utile a costringere all’ascolto chi ha il dovere di prendere decisioni e avere il coraggio di assumersi responsabilità.

#salviamoillavoro

DECRETO (DPCM) 22 MARZO
Su quali attività trovate aperte o meno da oggi

È stato firmato ieri il nuovo decreto (Dpcm 22 marzo 2020) che limita lo spostamento dei cittadini dal comune dove attualmente si trovano solamente per reali e comprovate necessità e l’apertura dei negozi e delle aziende alle sole attività necessarie in questo difficile periodo. In breve rimangono aperte le filiere alimentari, farmaceutiche e di trasporto (farmacie, parafarmacie, supermercati, alimentari, mini market, edicole e trasporti.)

Trovate il testo completo e i dettagli qua

L’Arrosticini 
Via Maggio, 46r, 50125 Firenze FI
offre SERVIZIO A DOMICILIO solo la ” SERA ”  prenotazioni dalle 12:30 alle 18:00 e consegna dalle 19:30 alle 22:30

Telefono +39  392-7159643 (messaggio tramite WhatsApp, indicare indirizzo di consegna)

MENU

– Pallotte cac e ove (polpette con formaggio uova e pane e salsa di pomodoro) n. 4
– Coratella in salsa di pomodoro
– Zuppa di ceci castagne e funghi
– Arrosticini di pecora (minimo 10)
– Arrosticini di Fegato minimo 6
– Tiramisù
– Dolci secchi d’abruzzo

BREVE GUIDA SINTENTICA (DPCM 11)
Su quali attività trovate aperte o meno da oggi fino al 26 Marzo.

Possono stare aperte le seguenti attività:
– Farmacie
– Ipermercati
– Supermercati
– Discount di alimentari
– Minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimentari vari
– Commercio al dettaglio di prodotti surgelati
– Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati di computer, periferiche, attrezzature per le telecomunicazioni, elettronica di consumo audio e video, elettrodomestici
– Commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacco in esercizi specializzati (codici ateco: 47.2)
– Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzati
– Commercio al dettaglio apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni (ICT) in esercizi specializzati (codice ateco: 47.4)
– Commercio al dettaglio di ferramenta, vernici, vetro piano e materiale elettrico e termoidraulico
– Commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari
– Commercio al dettaglio di articoli per l’illuminazione
– Commercio al dettaglio di giornali, riviste e periodici
– Commercio al dettaglio in altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica
– Commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati
– Commercio al dettaglio di articoli di profumeria, prodotti per toletta e per l’igiene personale
– Commercio al dettaglio di piccoli animali domestici
– Commercio al dettaglio di materiale per ottica e fotografia
– Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento
– Commercio al dettaglio di saponi, detersivi, prodotti per la lucidatura e affini
– Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet
– Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato per televisione
– Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto per corrispondenza, radio, telefono
– Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici
Devono stare chiuse tutte le attività:
– Tutte le attività commerciali al dettaglio che non sono nel post OPEN!
– Sono chiusi, indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari. Deve essere in ogni caso garantita la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.
– Sono sospese tutte le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale, che garantiscono la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.
Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto.
– Sono sospese le attività inerenti i servizi alla persona (fra cui parrucchieri, barbieri, estetisti)